Puliamo il Mondo

Puliamo il Mondo  2018 con Ecotyre, raccolta  straordinaria dei PFU -pneumatici fuori uso- , Roccabernarda, 28 settembre

Puliamo il Mondo  2018 nel Parco Nazionale della Sila, 29 settembre

Puliamo il Mondo 2018  dai Pregiudizi, Badolato 30 settembre

Il Circolo Legambiente di Petilia Policastro ha aderito alla XXVI edizione di “Puliamo il Mondo”, l’edizione italiana di “Clean Up the World”, promossa in Italia dalla Legambiente, 28, 29, 30 settembre 2018, tre giorni duranti i quali migliaia di volontari, tra cittadini, scuole e amministrazioni, di tutta Italia, saranno impegnati nel ripulire le aree degradate del Paese e fare un gesto concreto a favore dell’ambiente, le nostre attività:.
– venerdì 28 settembre, insieme all’Amministrazione Comunale di Roccabernarda, è stata organizzata l’iniziativa: “Puliamo il centro storico di Roccabernarda”, con la partecipazione degli studenti della locale scuola media; l’appuntamento/partenza in piazza S.Barbaro alle ore 9:00; inoltre, il Comune ha aderito alla raccolta straordinaria di PFU -pneumatici fuori uso – abbandonati in aree pubbliche, una iniziativa patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, promossa da Legambiente e dal consorzio EcoTyre che rappresenta un’eccellenza nella gestione dei pneumatici usati;
– sabato 29 settembre, “Puliamo il Parco Nazionale della Sila”, con la partecipazione delle classi prime del Liceo Scientifico di Petilia Policastro e del Reparto Carabinieri Biodiversità di Catanzaro diretto dal Col. Nicola Cucci; l’appuntamento è alle ore 9:00 presso il villaggio Principe di Petilia Policastro;
– domenica 30 settembre, a Badolato, insieme ai Circoli calabresi a Legambiente Calabria, per l’iniziativa: “Puliamo il mondo dai pregiudizi”, per promuovere l’accoglienza dei migranti e dimostrare come l’integrazione sia il motore di una società civile, aperta culturalmente ed ecologica.
Puliamo il mondo è un’occasione non solo per un’azione di recupero ambientale ma anche per creare un rapporto di collaborazione tra cittadini e istituzioni locali, unite per testimoniare il proprio rispetto per il territorio, per ribadire che, se lo vogliamo, un mondo diverso è possibile.

L’iniziativa è inserita nelle attività del progetto: “Climanet – In rete per il clima”, un’azione di cittadinanza attiva, per la riduzione della propria impronta ecologica.